Pannone: ” Io la penso così…”

visto 81 volte

Mi è capitato poche altre volte di essere soddisfatto per un pareggio come è successo domenica a Lamezia. Il perché ve lo spiego subito: l’Aversa ha giocato alla pari in casa di una delle corazzate del campionato e non credo di essere di parte se dico che avrebbe meritato di vincere. Lo hanno ammesso anche alcuni addetti ai lavori calabresi con cui ho parlato all’uscita dello stadio: tutti erano sorpresi del valore della nostra squadra e mi hanno fatto i complimenti per il modo in cui abbiamo tenuto a bada il Lamezia. Forse si aspettavano di trovare una squadra di medio-bassa classifica, timorosa e rinunciataria.
Ma io sapevo che i ragazzi avrebbero giocato una grande partita, perché è da un mese e più che sono in costante crescita. Ora, però, non ci montiamo la testa. Sappiamo bene che questo è un campionato lunghissimo, dove si gioca praticamente ogni tre giorni e le insidie dunque sono sempre dietro l’angolo. Ci vuole poco per sprofondare in classifica e ancora di meno per scalare posizioni.
Dico questo pensando alla Frattese di Mario Moxedano, che a differenza nostra vive un periodo abbastanza delicato e contro il Giulianova ha rimediato il 3º pareggio consecutivo. Sento in giro che qualcuno a Frattamaggiore inizia a mugugnare, ma io fossi in loro sosterrei la squadra con tanta fiducia. Perché è vero che i nerostellati non stando andando benissimo, ma è anche vero anche che hanno una rosa d’altissimo livello e che c’è ancora tutto il tempo per risalire la china in graduatoria. Sul loro futuro sento di sbilanciarmi: in primavera li troveremo in zona play-off, perché alla lunga individualità del calibro di Pellecchia, Chiaria e Moxedano junior faranno la differenza.
Ho qualcosa da dire anche sull’Arzanese, che continuo a considerare la sorpresa più bella di questo campionato nonostante ultimamente non stia faville come ad inizio stagione. Sono d’accordo con mister Franco Fabiano, che domenica dopo il pari interno col Milazzo ha criticato l’atteggiamento dei tifosi bianco-celesti: contestare questa squadra è una vera e propria assurdità. L’Arzanese ha conquistato 17 punti in 12 gare, giocando un ottimo calcio e si è tolta anche lo sfizio di andare a battere al “Curi” il Perugia. Per una neopromossa che fino a 2 anni fa giocava in Eccellenza penso che sia un bottino eccezionale. I giocatori di Fabiano e tutti i dirigenti arzanesi si meriterebbero applausi a scena aperta, altro che fischi…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

storia precedente

Aversano, per grazia di Dio

prossima storia

Aversa Normanna, bella di notte, impatta a Perugia 0 – 0