Il diario del Normanno
Indispensabile la partecipazioni di tutti.

Indispensabile la partecipazioni di tutti.
la notizia è stata letta 903 volte.
scritto da Domenico Russo

sabato 2 luglio 2016

Impensabile che la passione, l'impegno e le risorse di una sola persona possano portare avanti una qualsiasi attivitá. Una squadra di calcio ancor di meno. Pur ritenendo che la stagione appena conclusa sia stata la piú bella e soddisfacente della squadra aversana a pari merito con quella che vide i granata vittoriosi della Coppa Italia é comunque necessario garantire la continuitá del progetto tecnico cosi ben avviato da qualche anno. 
Finalmente si parla di imprenditori e  professionisti disposti a stare vicino alla societá e sostenerla in termini di risorse finanziarie ed umane.
C'é la volontá di riportare il calcio aversano ai 'fasti' di un recente passato. Se son rose fioriranno.
Intanto non bisogna dimenticare che la categoria nella quale la squadra cittadina é impegnata é pur sempre quella nella quale al massimo abbiamo fatto, in tutta la storia granata, 6-7 annate e pertanto costituisce patrimonio importante da mantenere. 
Se é in via di soluzione, quindi, la questione organizzativa il punto dolente rimane quello della tifoseria.
L'affluenza allo stadio é condizionata dai risultati. In Italia funziona così, ad Aversa ancor di più. É irragionevole pensare peró che si possa primeggiare ogni anno anche con un magnate arabo alla guida. 
Forse bisogna ripensare al target al quale ci si riferisce sostituendo al potenziale tifoso (tifoso di cosa se corre solo quando si vince?) al potenziale sportivo. Lo sportivo per essere attratto da un evento ha la necessitá:
- di sicurezza per se stesso e gli altri con lui;
- di trovarsi in una struttura adeguata e confortevole;
- di riconoscersi in un progetto sportivo (per esempio: calciatori giovani, un determinato tipo di gioco, avere la quasi certezza dell'impegno di tutti, calciatori fidelizzati).
Per capire quanto siano importanti primi due punti basta guardare al volley cittadino. É vero che la squadra ha vissuto un biennio importante di risultati nazionali ma é anche vero che giocare nel moderno impianto comunale piuttosto che nel fatiscente 'capannone' spinge anche famiglie intere a recarsi in via d'Acquisto sicura quanto meno di assistere ad uno spettacolo degno in una degna cornice.
Risolti i primi due punti propedeutici, la validitá del progetto sportivo rimane l'elemento che muove il cittadino-sportivo verso lo stadio.
Se l'accettazione delle decisioni societarie é garanzia di partecipazione, é invece la condivisione o ancor di più la partecipazione alla loro formazione ad rivestire un ruolo importante. 
Una sorta di corresponsabilitá diminuirebbe i possibili conflitti e l'assurda pretesa di avere sempre e comunque una macchina da guerra che distrugge gli avversari.
Se la nascente associazione parteciperá al capitale sociale seppur di minoranza potrebbe suddividere le proprie quote a favore di clienti o dipendenti delle proprie attivitá così da allargare ulteriormente la possibile platea, poiché i riceventi-sportivi si identificheranno nell'Aversa Normanna. Si potrebbe  realizzare un azionariato popolare sostenibile che da un lato potrebbe spingere la partecipazione cittadina e dall'altra manterrebbe solide redini a chi ha l'esperienza, la competenza e altre risorse per gestire la complessitá di una squadra di calcio.

 

 



   

Gentile utente,
Tavecchio, presidente della FIGC, ha recentemente dichiarato: "Così anche quest'anno partiremo chiudendo gli occhi..." ammettendo implicitamente che negli anni scorsi si è evitato di intervernire per in situazioni amministrativamente poco chiare. Il Tribunale Federale, ancora recentemente, con le sentenze a proposito del filone calcioscommesse aperto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro (certificata da intercettazioni) ha comminato sanzioni irrisorie di pochi punti da scontare nel prossimo campionato legittimando ed autorizzando di fatto il "calcioscommesse". Alla luce di tutto ciò ti invitiamo a riflettere sulla possibilità o meno di recarti in agenzie di scommesse per perdere soldi senza avere la certezza che il gioco si svolga in modo chiaro e trasparente.
Chiediamo ai grandi gruppi che operano su concessione dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) di intervenire finalmente anche a salvaguardia del loro business altrimenti non sarà difficile supporre che le situazioni illegali succedutesi negli anni hanno avvantaggiato anche mancati payout.
Buona Navigazione.