Non c'è altra soluzione che tifare Carpi!

Non c'è altra soluzione che tifare Carpi!
la notizia è stata letta 1368 volte.
scritto da Domenico Russo

lunedì 16 febbraio 2015

Non importa chi sia Pino Iodice, nè cosa ha fatto nella vita. E' il direttore generale dell'Ischia ed in questa sua veste rende conto del suo operato alla proprietà gialloblu. Essendo un tesserato, ovviamente, le sue azioni potrebbero eventualmente essere valutate dalla giustizia sportiva o al massimo da quella ordinaria laddove ce ne fossero i presupposti. Le responsabilità e le ricadute saranno, al massimo, di tipo personale.

Qual'é la colpa commessa da Iodice? La registrazione della telefonata con  Lotito più che un agguato (così si affannano a dire gli ammiratori ed i sodali del patron della Lazio) sembra essere l'unica possibilità che ha il dg ischitano per dar il giusto peso al suo piccolo voto in federazione. E' la rivendicazione della possibilità di poter scegliere senza sentirsi tirato per la giacca o ancor peggio per il portafoglio. E' autotutela. Basta guardare la sicurezza e la baldanza del dirigente romano e l'orgoglio preoccupato di Iodice per capire come stanno le cose. 


Diverso è il profilo di Lotito. Definito non a torto l'uomo più potente del calcio italiano, l'azionista della Salernitana ricopre un ruolo sicuramente politico. In tale veste le parole dette, elegantemente registrate o meno, costituiscono al netto del messaggio poco subliminale sull'arrivo o meno dei contributi, un programma di indirizzo politico che è l'antitesi dello sport.

Non si discute il fatto che le risorse economiche siano fondamentali per far andare avanti la giostra del calcio ma se per ottenerle l'aspetto sportivo passa in secondo piano non passerà molto tempo affinché le risorse economiche diminuiranno in modo vertiginoso proprio perchè risulterà definitivamente distrutto l'aspetto sportivo, la sua funzione sociale, i sentimenti e la passione della gente.

Eppure parliamo di imprenditori ovvero di persone che, teoricamente si suppone, hanno accumulato un patrimonio avendo ben presente che per ottenere successo vanno messe a reddito capacità personali, competenze specifiche o sfruttamento di risorse naturali e/o sociali che costituiscono la principale attività aziendale e che per crescere nel tempo queste vanno preservate proprio perché ne va dell'esistenza stessa della propria impresa. Sarebbe intelligente che un imprenditore caseario usi un latte alterato per produrre la mozzarella ovvero il core business della sua attività? Ok, ho sbagliato esempio perché è accaduto o forse no perchè quell'imprenditore non svolge più la propria attività oppure la zona in cui la svolgeva, ahimé, ha perso la sua buona nomea a vantaggi di altre. Non tutelare a costo di tutto e tutti la possibilità, seppur remotissima, che la Savignanese (che potrebbe stare ad Aversa così come Chievo sta a Verona) vinca sul campo lo scudetto mettendo alle sue spalle Juventus, Napoli e Lazio significa non tutelare il core business del calcio e così facendo le gare e i campionati perderanno ancora di più appeal di quanto non abbiano già perso a vantaggio di altri paesi.  
E' la dimostrazione che non siamo davanti a degli imprenditori o a delle persone che possono governare l'"azienda sportiva". Le parole di Stefano Rosso, patron della Diesel e del Bassano calcio, riportate sul giornale Repubblica qualche settimana fa sintetizzano bene il tutto: "...nel calcio italiano non vediamo progetti seri o manager in grado di gestire una delle industrie più importanti del Paese. Non ci sono né in Federcalcio né in Lega né tra i presidenti delle società. I problemi? Ho l'impressione non interessino nessuno, vedo molta  attenzione per le poltrone, il potere e poca per risolvere i mali del nostro calcio. Il problema degli stadi dovrebbe essere stato risolto da anni, come quello della sicurezza. Le uniche strade per far diventare il calcio un business. Cambiare? Se ne parla e basta. Poi si fanno norme tutte contro la prima regola dello sport: aggregare e far divertire la gente. E più si sale di categoria e più diventa peggio. Siamo arrivati in Lega Pro e lo stadio è diventato un lager. Stadi nuovi e di proprietà sono indispensabili per ripartire. Ma anche allenamenti, musei, feste: bisogna vivere la squadra 7 giorni su 7, per creare business non bastano 90 minuti". 

In Italia, e non solo nel calcio, non cambierà mai nulla. Lotito continuerà ad essere il deus ex machina del calcio italiano con maggior attenzione, forse, alle telefonate. Del resto non cambiò nulla per Tavecchio che poverino fu vittima, secondo il presidente del Genoa Preziosi che ieri ha ricordato il fatto, di un tiro a piccione vergognoso. Ha ragione, bisognava apprezzarlo e premiarlo per un tiro di banane ad Opti Pobà! Quanta vergogna ancora devono accumulare questi signori prima che qualcuno prenda la decisione di allontanarli?   

L'unica soluzione allo stato attuale, pertanto, per poter mantenere i milionari introiti delle pay-per-view e nel contempo salvaguardare il verdetto dei campi è che i tifosi dei cosiddetti grandi club cambino i propri sentimenti a favore del Carpi. 



   

Gentile utente,
Tavecchio, presidente della FIGC, ha recentemente dichiarato: "Così anche quest'anno partiremo chiudendo gli occhi..." ammettendo implicitamente che negli anni scorsi si è evitato di intervernire per in situazioni amministrativamente poco chiare. Il Tribunale Federale, ancora recentemente, con le sentenze a proposito del filone calcioscommesse aperto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro (certificata da intercettazioni) ha comminato sanzioni irrisorie di pochi punti da scontare nel prossimo campionato legittimando ed autorizzando di fatto il "calcioscommesse". Alla luce di tutto ciò ti invitiamo a riflettere sulla possibilità o meno di recarti in agenzie di scommesse per perdere soldi senza avere la certezza che il gioco si svolga in modo chiaro e trasparente.
Chiediamo ai grandi gruppi che operano su concessione dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) di intervenire finalmente anche a salvaguardia del loro business altrimenti non sarà difficile supporre che le situazioni illegali succedutesi negli anni hanno avvantaggiato anche mancati payout.
Buona Navigazione.