Aversa Normanna-Cavese 0-0, tabellino e cronaca

Aversa Normanna-Cavese 0-0, tabellino e cronaca
la notizia è stata letta 679 volte.
scritto da Salvatore De Chiara

domenica 22 gennaio 2017

AVERSA NORMANNA: Lombardo, Ciocia, Gambardella, Nappo, Guastamacchia, Terracciano (89' Venditti), Mariani ( 53' Cassetta - 91' Riccardi), Cigliano, Ramaglia, Trofo, R. Esposito. A disp.: Maraolo, Mangiapia, Riccardi, Venditti, Russo, Rossi, Canneva, Cassetta, Buono. All. Chianese

CAVESE: Conti, Padovano, Loreto, Uliano (65' Rossi), Galullo, Migliaccio, Celiento (54' Meloni), Alleruzzo, Giglio, Ciarcià, Gabrielloni ( 68' Bellante). A disp: D'Amico, Rossi, Parenti, Armenise, Golia, Riccio, Meloni, Greco, Bellante. All. Longo

ARBITRO: Sig. Scordo di Novara; assistenti Capolupo di Matera e Laganà di Carrara

NOTE: Ammoniti: Nappo, Trofo e Cigliano dell'Aversa, Migliaccio della Cavese. Espulso Trofo dell'Aversa. Recupero 1° tempo: 3 minuti; 2° tempo: 5+1. Spettatori circa 300. 

Con un pareggio a reti inviolate l’Aversa Normanna ha fermato sul proprio campo la Cavese, al termine di una partita senza grandi emozioni. La Normanna è padrone del campo per i primi venti minuti, produce un gran possesso palla ma non riesce ad imbastire con efficacia azioni d’attacco, poi, col passere dei minuti gli ospiti si fanno aggressivi. Al 25 Gabrielloni impegna il Lombardo con un preciso tiro da centro area, il portiere riesce a bloccare, due minuti più tardi ancora l’estremo difensore granata deve intervenire in due tempi su un pallonetto da fuori area di Giglio. Al 30’ Trofo viene espulso per somma di ammonizioni tra le accese proteste dei giocatori in maglia granata, l’Aversa quindi, ridotta in dieci uomini, si riorganizza abbassando il proprio baricentro e lasciando libero Esposito di scorazzare sulla fascia destra per sostenere l’azione offensiva rimasta mutilata a centrocampo dall’espulsione. Nel finale di tempo la Cavese aumenta la pressione, al 38’ Gabrielloni va in fuga solitaria in mezzo alla difesa aversana ma viene bloccato sul limite dell’area. Al minuto 40’ ci prova Guastamacchia per l’Aversa con un colpo di testa a centro area su cross spiovente da un calcio d’angolo, il portiere riesce però a bloccare. Nella ripresa la partita resta bloccata per larghi tratti, complice il terreno in cattive condizioni, nessuna delle due compagini riesce ad uscire dalla risacca di centrocampo per andare a portare  l’azione in profondità nella trequarti avversaria. Al 22’ del secondo tempo ci prova Ciarcà con una gran botta dal limite su cross dalla destra, ma Lombardo blocca a terra con sicurezza. Per gli ospiti la grande occasione arriva al minuto 38’, quando Meloni approfitta di un grave svarione della difesa granata e si ritrova da solo innanzi al portiere, ma, clamorosamente, calcia altissimo sopra la traversa. Al 39’ Esposito viene ben servito da Ciocia a centro area con un rasoterra filtrante, ma l’esterno aversano viene anticipato un attimo primo del tiro, poi al 40’, sul rivolgimento di fronte, Alleruzzo va alla conclusione dalla lunga distanza con il pallone che si perde sul fondo a lato. Nel finale le sostituzioni stroncano nuovamente il ritmo partita, al 44’ ancora Cavese in avanti con Rossi che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, tira di destro da fuori area mandando di poco sul fondo. Ancora Rossi, al 95’, prova il gran numero deviando di tacco un traversone su corner dalla destra, la sfera termina alta d’un soffio sopra la traversa. La Cavese non è riuscita ad imporre il proprio gioco mentre è prezioso in chiave salvezza il punto conquistato dall’Aversa Normanna, a fine partita volano scintille tra le due panchine, subito sedate. 

 



   

Gentile utente,
Tavecchio, presidente della FIGC, ha recentemente dichiarato: "Così anche quest'anno partiremo chiudendo gli occhi..." ammettendo implicitamente che negli anni scorsi si è evitato di intervernire per in situazioni amministrativamente poco chiare. Il Tribunale Federale, ancora recentemente, con le sentenze a proposito del filone calcioscommesse aperto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro (certificata da intercettazioni) ha comminato sanzioni irrisorie di pochi punti da scontare nel prossimo campionato legittimando ed autorizzando di fatto il "calcioscommesse". Alla luce di tutto ciò ti invitiamo a riflettere sulla possibilità o meno di recarti in agenzie di scommesse per perdere soldi senza avere la certezza che il gioco si svolga in modo chiaro e trasparente.
Chiediamo ai grandi gruppi che operano su concessione dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) di intervenire finalmente anche a salvaguardia del loro business altrimenti non sarà difficile supporre che le situazioni illegali succedutesi negli anni hanno avvantaggiato anche mancati payout.
Buona Navigazione.