Cronache del Salernitano: "Giovanni Lombardi risponderà di estorsione davanti alla Corte di Appello".

Cronache del Salernitano: "Giovanni Lombardi risponderà di estorsione davanti alla Corte di Appello".
la notizia è stata letta 2719 volte.
scritto da Redazione

lunedì 11 maggio 2015

Il giornale on line Cronache del Salernitano ha pubblicato una notizia, ripresa subito da Resport, riguardante il presidente dei falchetti Giovanni Lombardi che il 19 giugno risponderà davanti ai giudici della Corte d'Appello di Salerno della presante accusa di estorsione  ai danni di un imprenditore conserviero di Scafati insieme ad altri quattro presunti complici. La vittima della presunta estorsione presentò denunciò allorché fu costretto a vendere ad un valore basso alcuni immobili dietro pressione degli inquisiti con la promessa, non mantenuta, che gli sarebbero stati restituiti in futuro grazie ad un finanziamento che gli sarebbe stato procurato. Ci occupiamo raramente di fatti di cronaca, soprattutto quelli di cronaca giudiziaria ma è singolare constatare che chi qualche mese fa definiva gli aversani "camorristi" a margine di una gara valida per un campionato sportivo a carattere nazionale oggi debba rispondere di un accusa che ricalca il modus operandi tipici della criminalità organizzata e  farsi "fregiare" dai mass media stessa della stessa infamia di allora. 
Ovviamente la giustizia non ha fatto il suo corso e siamo sicuri che Lombardi dimostrerà la propria estraneità ai fatti contestati ma è certo che nessun giudice ha mai supposto tesi criminali nei confronti di un intera comunità, specificatamente quella aversana, non certo si può dire lo stesso per lui, purtroppo.



   

Gentile utente,
Tavecchio, presidente della FIGC, ha recentemente dichiarato: "Così anche quest'anno partiremo chiudendo gli occhi..." ammettendo implicitamente che negli anni scorsi si è evitato di intervernire per in situazioni amministrativamente poco chiare. Il Tribunale Federale, ancora recentemente, con le sentenze a proposito del filone calcioscommesse aperto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro (certificata da intercettazioni) ha comminato sanzioni irrisorie di pochi punti da scontare nel prossimo campionato legittimando ed autorizzando di fatto il "calcioscommesse". Alla luce di tutto ciò ti invitiamo a riflettere sulla possibilità o meno di recarti in agenzie di scommesse per perdere soldi senza avere la certezza che il gioco si svolga in modo chiaro e trasparente.
Chiediamo ai grandi gruppi che operano su concessione dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) di intervenire finalmente anche a salvaguardia del loro business altrimenti non sarà difficile supporre che le situazioni illegali succedutesi negli anni hanno avvantaggiato anche mancati payout.
Buona Navigazione.