Aversa Normanna - Barletta 0-1, tabellino e cronaca

Aversa Normanna - Barletta 0-1, tabellino e cronaca
la notizia è stata letta 397 volte.
scritto da Salvatore De Chiara

sabato 11 aprile 2015

AVERSA NORMANNA 4-3-3

Lagomarsini 5, Del Prete 6 (dal 43’ st. Balzano sv.), Amelio 5,5, Giannusa 6, Cossentino 5, Magliocchetti 5, Mangiacasale 6, Catinali 5 (dal 7’ st. Personè 5,5), Mosciaro 6, Sassano 5, Capua 5. A disp.: Despucches, Esposito, Castellano, Giannattasio, Viglietti. All.: Marra 4

BARLETTA 4-3-3

Liverani 6, Meola 6 (dal 36’ st. Guarco 5,5), Cortellini 5, Radi 6, Stendardo 6, Legras 5, Danti 6 (dal 27’ st. Venitucci 5,5), Branzani 6, Fall 5 (dal 18’ st. Turchetta 6), Quadri 6, Ingretolli 6. A disp.: De Martino, Kiakis, Giannarelli, Palazzolo. All.: Corda 6 Arbitro:

Luciano di Lamezia Terme 6

NOTE Reti: 21’ pt. Danti; ammoniti: Giannusa. Fall, Cortellini, Stendardo;Rec. 2 pt., 5 st.

L’ennesima sconfitta casalinga inguaia Marra e mette in grandissima difficoltà l’Aversa Normanna. La gara non è stata giocata su ritmi alti, ma caratterizzata da prestazioni scialbe su entrambi i fronti dalle quali alla fine è emersa la concretezza del Barletta. I granata ci provano soprattutto in avvio, all’8’ Capua intercetta al volo un cross di Del Prete sfoderando una conclusione che termina d’un niente sopra la traversa, al 15’ ancora Del Prete si libera sulla destra con una bella azione ma non c’è nessuna a raccogliere il suo cross preciso e teso in mezzo all’area. I pugliesi vanno in vantaggio al 21’, Danti si inserisce in una mischia in area, la difesa normanna è disattenta e non fa scattare il fuorigioco e così il centrocampista può trovare la deviazione vincente per mettere in gol. Un tiro di Giannusa dal limite, al 26’, con palla che termina ampiamente alta, è tutto quello che i granata riescono a produrre come reazione allo svantaggio, la Normanna va in pressione principalmente sulle fasce ma non riesce a rendersi pericolosa sotto porta mentre i pugliesi si difendono senza troppi affanni. In chiusura di tempo, al 45’, Ingretolli si lancia in una pericolosa incursione in area aversana che si risolve in un calcio d’angolo. Al 7’ della ripresa Lagomarsini compie un autentico miracolo sull’assalto in solitudine di ben tre avversari, l’estremo difensore riesce a deviare con la punta delle dita un tiro a botta sicura di Ingretolli. L’Aversa si fa vedere in avanti con Mosciaro all’8’ che colpisce di testa da centro area su cross dalla sinistra, la palla termina alta di poco, al 12’ Sassano va al tiro dopo un’azione insistita ma la sfera è respinta dal portiere, sulla ribattuta Mosciaro svirgola malamente. Al minuto 25’ ci prova Mangiacasale con una rapida incursione in area palla al piede, il portiere Liverani esce con i pugni toccando il pallone e poi le gambe del giocatore aversano, per l’arbitro è tutto regolare malgrado le proteste dei padroni di casa ma il portiere rimedia una botta alla spalla. Il secondo tempo scorre abbastanza ingessato dalla mezz’ora in poi, la squadre non riescono a dare l’assalto alla rispettive difese, il Barletta è svogliato e si accontenta di amministrare il risultato fronteggiando le, non certo irresistibili, folate offensive dei normanni. Capua ci prova al 39’ sugli sviluppi di un calcio di punizione ma il portiere blocca a terra. L’Aversa Normanna si spegne lentamente e non punge nemmeno nel lungo recupero finale, la partita finisce così per premiare il cinismo del Barletta.



   

Gentile utente,
Tavecchio, presidente della FIGC, ha recentemente dichiarato: "Così anche quest'anno partiremo chiudendo gli occhi..." ammettendo implicitamente che negli anni scorsi si è evitato di intervernire per in situazioni amministrativamente poco chiare. Il Tribunale Federale, ancora recentemente, con le sentenze a proposito del filone calcioscommesse aperto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro (certificata da intercettazioni) ha comminato sanzioni irrisorie di pochi punti da scontare nel prossimo campionato legittimando ed autorizzando di fatto il "calcioscommesse". Alla luce di tutto ciò ti invitiamo a riflettere sulla possibilità o meno di recarti in agenzie di scommesse per perdere soldi senza avere la certezza che il gioco si svolga in modo chiaro e trasparente.
Chiediamo ai grandi gruppi che operano su concessione dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) di intervenire finalmente anche a salvaguardia del loro business altrimenti non sarà difficile supporre che le situazioni illegali succedutesi negli anni hanno avvantaggiato anche mancati payout.
Buona Navigazione.