Consiglio Federale: le decisioni sui ripescaggi

Consiglio Federale: le decisioni sui ripescaggi
la notizia è stata letta 2513 volte.
scritto da Salvatore Russo

martedì 27 maggio 2014

Oggi pomeriggio si è riunito il Consiglio Federale della FIGC per prendere dcisioni su vari temi calcistici ( modifiche regolamentari su tesseramenti e compartecipazioni) ed in merito ai ripescaggi nei Campionati Professionistici stagione sportiva 2014/2015 il C.F. ha confermato i criteri e le procedure che  prendono come sempre in considerazione tre voci: classifica finale dell’ultimo campionato (50%); tradizione sportiva della città (25%); numero medio degli spettatori dalla stagione 2008/2009 alla stagione 2012/2013 (25%). In merito a questo capitolo il Presidente della Lega Pro Macalli presente alla riunione consiliare ha confermato ribadendo:  "Quindi non è detto che una squadra che non vada in finale non possa essere ripescata. Aggiungiamo che le squadre che non hanno i campi a norma è inutile che facciamo richiesta di ripescaggio, altrimenti non si va da nessuna parte. Inoltre e’ stata abolita la fideiussione suppletiva, quindi le società che volessero fare ripescaggio non debbono spendere quei seicentomila euro che servivano oltre ai seicentomila euro di prammatica. Queste sono le regole per chi vuole essere ripescato”. Quindi non è detto che, ad esempio, la perdente del play-out tra Arzanese e Tuttocuoio parta da un punteggio per il ripescaggio: a questo non si fa alcun riferimento. Insomma buone notizie per l'Aversa Normanna in merito ad un possibile ripescaggio. 



   

Gentile utente,
Tavecchio, presidente della FIGC, ha recentemente dichiarato: "Così anche quest'anno partiremo chiudendo gli occhi..." ammettendo implicitamente che negli anni scorsi si è evitato di intervernire per in situazioni amministrativamente poco chiare. Il Tribunale Federale, ancora recentemente, con le sentenze a proposito del filone calcioscommesse aperto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro (certificata da intercettazioni) ha comminato sanzioni irrisorie di pochi punti da scontare nel prossimo campionato legittimando ed autorizzando di fatto il "calcioscommesse". Alla luce di tutto ciò ti invitiamo a riflettere sulla possibilità o meno di recarti in agenzie di scommesse per perdere soldi senza avere la certezza che il gioco si svolga in modo chiaro e trasparente.
Chiediamo ai grandi gruppi che operano su concessione dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) di intervenire finalmente anche a salvaguardia del loro business altrimenti non sarà difficile supporre che le situazioni illegali succedutesi negli anni hanno avvantaggiato anche mancati payout.
Buona Navigazione.